Piccolo Rifugio Onlus
Mamma Lucia Fondatrice del Piccolo Rifugio ONLUS
Residenze per disabili
Piccolo Rifugio: sette case che sono anche famiglia per circa cento persone con disabilità, in tutta Italia. Fondatrice: la serva di Dio Lucia Schiavinato.
> Home > News > Dalla Germania a Sandra del Piccolo Rifugio: al Gran Raid ho corso per te!
Dalla Germania a Sandra del Piccolo Rifugio: al Gran Raid ho corso per te!
(0) Commenti

mercoledì 18 luglio 2018

Quando abbiamo volentieri accettato l'invito del Gran Raid delle Prealpi Trevigiane per l'iniziativa "Corro con te", al Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto non pensavamo che ci avrebbe regalato così tanti momenti preziosi.

L'idea era semplice: sul pettorale dei migliori corridori della 72 km che solcava le nostre Prealpi gli organizzatori avrebbero fatto stampare il nome di uno degli uomini e donne del Piccolo Rifugio: un piccolo segno di solidarietà, e un nome a cui pensare nel corso della fatica.

L'idea era semplice, e ha fatto centro.

Dapprima, Nicola Nardi, che qualche settimana dopo la gara si presenta a sorpresa al Piccolo Rifugio per consegnare a Cristina il pettorale con il nome, e la medaglia conquistata. E poi viene a incontrarci di nuovo, partecipando alla Festa degli amici,

Poi, Giovanni Pistellato, che scrive al nostro Luca - che a causa della sua disabilità non puo' correre, ma neppure camminare, e neppure parlare- per raccontargl quanto gli è stato vicino nei momenti più duri del Raid.

Poi, una lettera per la nostra Sandra in arrivo dalla Germania. La firma Andreas Schweighardt di Schwerte, vicino a Dortmund, in Germania. E racconta la sua passione per la corsa lunga e di montagna in una email dai toni molto personali, in cui allude anche ad alcune prove dolorose che la vita gli ha messo davanti. "E' stato bello correre pensando a te. Sii sempre felice e serena!", conclude Andreas.

sandra1

Con l'aiuto dell'educatrice Silvia Tonon, nel miglior inglese possibile, Sandra ha risposto ad Andreas, inviandogli il suo grazie.

 

Ancora una volta un grande grazie al Gran Raid, e ai tre atleti, per la loro solidarietà, e per incarnare i veri valori dello sport.

Commenti:
Commenta questa news: